CICLO DI COLTIVAZIONE DI PLEUROTUS: DURATA 40 GIORNI. CONVIENE?


Dopo la semina le ballette dei funghi, vengono portate in un’unica serra per la fase d’incubazione. A fine incubazione, quando queste sono diventate bianche e compatte, vengono trasferite, senza danneggiamento della struttura, nelle serre di fruttificazione, climatizzate.
Per incubare il substrato, dobbiamo avere a disposizione una serra climatizzata che contenga le ballette
di almeno due- quattro pastorizzazioni.

Vispiego perchè:
le ballette dei funghi, vengono inoculate, utilizzando il mio procedimento, ca. ogni dieci giorni, per cui:
quando debbo entrare nella serra preposta solo per l’incubazione, i pani della terza semina, quelli della prima semina, hanno già venti giorni d’incubazione, che, dovrebbero essere sufficienti per farli togliere e, di conseguenza, metterli nella prima serra di produzione.
Quindi, teoricamente, lo spazio utile che serve, nella serra d’incubazione, è quello atto a raccogliere due semine.Però, l’incubazione, delle volte può essere più lenta del normale, motivo per cui è meglio disporre di uno spazio atto a contenere almeno quattro semine.
Avendo a disposizione un’unica serra climatizzata che fornisce

substrato incubato al ritmo di dieci giorni, posso, con quattro serre, anch’esse climatizzate, effettuare un ciclo di produzione di soli 40 giorni, con due raccolte e forse piu’.
Due raccolte dovrebbero comunque fornire 20/25 kilogrammi di funghi per quintale di substrato.
Da settembre a giugno, posso fare sette cicli, con una resa in funghi che si avvicina a quella del ciclo di 90 giorni. Il tutto con sole cinque serre!
Una grande solo per incubare, e, quattro piu’ piccole, climatizzate, per produrre! Potendo movimentare le ballette, questo ciclo, forse e’ quello piu’ intelligente!

2) FASE D’INCUBAZIONE DEL SUBSTRATO PER FUNGHI PLEUROTUS.
Alla fase d’inoculazione dei pani di substrato, col micelio, segue quella di un

2 celle contigue di sacchi di compost perfettamente incubati
2 celle contigue di sacchi di compost perfettamente incubati

riscaldamento controllato dei medesimi.
I pani, normalmente, vengono disposti dentro delle serre coibentate e climatizzate. Il micelio deve invadere, il più velocemente possibile, il substrato. Per far sì che ciò avvenga, la temperatura ambiente, nelle serre, vengono portate, inizialmente, a seconda del composto, del ceppo seminato, del tasso di semina, a circa 20/25 gradi, o qualche volta, addirittura a 30.
In questo momento entra in gioco l’esperienza del produttore. Lui sa come seguire ed eventualmente intervenire durante la fase d’incubazione!
Le temperature, internamente al substrato, non debbono superare un certo gradiente. Meglio è, se non superiamo di molto i 30 gradi. E’ comunque l’esperienza acquisita nel corso di molti anni, che fa decidere in merito ai gradienti termici e, soprattutto, la varietà del fungo seminato!
Ci sono ceppi che hanno bisogno di temperature molto elevate sino dall’inizio!
Viceversa alcuni ceppi, superando certi gradienti termici, vanno subito in sofferenza!
“QUESTA FASE DI RISCALDAMENTO CONTROLLATO DEI PANI O BALLETTE, VIENE CHIAMATA INCUBAZIONE.”
IN FUNZIONE DEI CEPPI, DEL TASSO DI SEMINA, DELLA RICCHEZZA DEL COMPOSTO, DELLA SUA SELETTIVITA’, DELLA TEMPERATURA AMBIENTE, QUESTA FASE PUO’ DURARE DIECI-VENTI GIORNI CIRCA.”
A circa 10/15 giorni dalla semina, il micelio, se cammina veloce, dovrebbe già aver invaso completamente la balletta di substrato. Delle volte ciò succede anche in 7-8 giorni!
Una incubazione normale, dura, diciamo 15/20 giorni. Se il micelio, non ha chiuso perfettamente(così si dice in gergo), entro questi termini, significa che ci sono dei problemi.
Ci sono ceppi che chiudono in una settimana! Sono normalmente i ceppi estivi che camminano molto veloci!
Questi fruttificano a 15-20 giorni dalla semina.
“Quando dico che il micelio ha chiuso, voglio significare che ha invaso completamente il substrato. La balletta di substrato a questo punto, è diventata completamente bianca e compatta! (diventerà ancora più compatta in fase di suo raffreddamento)”.
Normalmente i laboratori che forniscono il micelio, mettono a disposizione dei propri clienti, Platee ed Aziende a ciclo chiuso, delle cartelle tecniche, entro le quali vengono illustrate tutte le esigenze dei singoli ceppi utilizzati, per ogni fase colturale!
Mi ricordo, molti anni addietro, i laboratori utilizzavano le esperienze vissute e raccontate dai vari coltivatori, per mettere a fuoco bene le loro cartelle tecniche!
Oggi molti marchi famosi di aziende che commercializzano micelio, in giro per il mondo, dispongo di loro laboratori di ricerca, fungaie sperimentali.
Hanno biologi e genetisti a loro disposizione, ricercatori……..!
E’ giusto che sia così!
Quando si semina un ceppo di qualsiasi fungo, questo deve essere al massimo delle sue potenzialità! NON DEVE ESSERE DEBOLE O DEGENERATO!
Nel corso degli anni, quante contestazioni, anche in tribunale, perché si imputava al micelio, la mancanza di produzione , produzioni scarse, deformazioni, arricciamenti dei funghi……! Non sempre si può risalire alle vere cause di certe anomalie produttive. Quello dei funghi è un mondo affascinante, ma, come ho sempre detto, è anche un settore, per certi versi impegnativo! SI ENTRA NEL MONDO DI UNA BIOTECNOLOGIA!
Certi problemi si sono aggravati col fatto che il clima si è modificato. Oggi, di frequente, abbiamo sbalzi di temperature e quindi di umidità. Certi ceppi sono sensibili a queste situazioni e, di conseguenza la loro morfologia è a rischio!
I laboratori che forniscono micelio stanno lavorando anche in questa direzione cercando di migliorare la tenuta dei ceppi sottoposti ad un andamento climatico così’ pazzerello!

Informazioni su RikyRik

Già sono ("ero", piccolo inciso), il "Cima" Scatenato di Conegliano Veneto, la Perla del Veneto, con le sue bellissime colline e il suo vino prosecco che puoi gustare lungo la strada del vino bianco. Il maestoso Castello che sta in cima alla cittadella e poi appunto prosegue con tutte le sue Osterie con il buon Prosecco e porchetta, coppa, ossocollo, prosciutto e formaggio grana padano. Subito dopo il castello inizia il giro turistico attraverso le colline con i suoi vigneti e l'aria fresca, su un sali e scendi la strada ti porta alla Sorte, la Guizza e altre osterie rinomate dove puoi gustare e bere le nostre prelibatezze venete.
Questa voce è stata pubblicata in Coltivazione - Incubazione e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a CICLO DI COLTIVAZIONE DI PLEUROTUS: DURATA 40 GIORNI. CONVIENE?

  1. Rick ha detto:

    Sarei così felice di sentire la vostra voce che sia italiana, inglese o francese o russa, ma voi restate nascosti, eppure ci siete ma dove state? Cosa fate? State facendo funghi in serra o in cantina come me. Perché non condividiamo le nostre piccole esperienze. Io non sono un grande esperto come mio padre Raoul, e quindi conosciamoci non ti pare. Altrimenti i piccoli segreti che ho imparato a che mi servono se non li condivido con voi? Chiedetemi quello che volete e per quel
    Poco che so vi daro’ una mano. Ciao Rick.

  2. angelo.schido ha detto:

    salve sono schido angelo(funghicoltore) e vorrei farti una domanda:conviene avere le serre climatizzate nella zona mediterranea?
    rispondimi;te ne sarò grato
    se in caso me lo domandassi il mio numero di telefono è 3388550073

  3. come posiamo contarctacti????????

  4. come posso contacarti??

    • RickyRik ha detto:

      Buonasera Leonida Marcel Remus, scrivimi pure qui sul blog, sicuramente avrai delle domande da farmi sul composto e sui funghi e sarei grato risponderti aiutandoti possibilmente a capire
      o risolvere qualche problema relativo ai funghi Pleurotus Ostreatus, parlo sempre degli Ostreatus ma ci sono anche i Florida, che è un seme fatto apposta per temperature più calde, diciamo quasi estive. Volendo, attrezzandosi bene, si possono coltivare i Pleurotus anche tutto l’anno, lo sapevi? Mi rendi curioso, tu hai mai intrapeso una coltivazione di funghi? Fatti sentire, mi farebbe molto piacere, ciao Rik.

      • Rocco volpe ha detto:

        ciao Rik mi chiamo Rocco Volpe sono interessato per la coltivazione di funghi per tutto l’anno
        mi potresti dare dei consigli?
        e vorrei chiederti ho messo dei pani di pleurotue ad incubare e ho notato che alcuni pani si e formata una Muffa verde cosa e successo?

        • RikyRik ha detto:

          Ciao Rocco e perdona il ritardo.
          Sono stato bloccato sino alla scorsa settimana.
          Per la Muffa Verde ti rimando a questo mio articolo:
          http://funguscultura.com/category/trichoderma-aggressivum/
          Invece se sei interessato a fare il fungicultore a tempo pieno,
          la cosa è interessante e ci sono come sempre dei pro e dei contro.
          Spero che tu abbia letto i vari articoli pubblicati da me e Raoul
          su questo Blog e ti sia fatto un’idea della realtà dei Funghi.
          Fammi sapere…ciao Rik.

  5. daniele ha detto:

    [IMG]http://i57.tinypic.com/e6dcvp.jpg[/IMG]

    che ve ne pare???

  6. girdan ha detto:

    [IMG]http://i57.tinypic.com/e6dcvp.jpg[/IMG]

    che ve ne pare??

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...